Modifica del Piano Faunistico Venatorio Siciliano: impossibile, non ci sono i soldi

Incredibile ma vero. L’Amministrazione ammette gli errori (macroscopici diremmo noi) del Piano Faunistico Venatorio Siciliano e tra questi il divieto di caccia quasi generale nei siti della rete Natura 2000, nelle isole minori e a Santo Pietro in particolare. E cosa risponde il Dirigente Generale a quelle Associazioni venatorie (UNAVES e Cacciatori di Lampedusa e di Linosa) che avevano chiesto la modifica del Piano? Risponde semplicemente dichiarando CHE NON CI SONO I SOLDI per le modifiche.

Non ci sono i soldi? E dove sono finiti quei MILIONI di euro versati annualmente dai Cacciatori? Dove sono finiti? Lo scopriranno il TAR Palermo a cui si sono rivolti i Cacciatori di Lampedusa, i Liberi Cacciatori Siciliani e l’Italcaccia, e lo scoprirà la Procura della Repubblica presso la Corte dei Conti a cui si è rivolto Stefano Privitera, Presidente dei Liberi Cacciatori Siciliani.

Una domanda sorge spontanea: avete visto Edy Bandiera?

 

 

error: Content is protected !!